La penna di Anita

“Ciao, sono Anita Santoro, ho 10 anni e frequento l’ultimo anno della scuola primaria al “Livio Tempesta” di Lecce. Sono andata a scuola sempre con tanto piacere, passione e voglia di imparare nuove cose. Tutti in classe sono simpatici e la mia maestra è bravissima.

Insieme a lei abbiamo trattato diversi argomenti, come ad esempio la Shoah che è stato un argomento che mi è rimasto molto impresso, infatti l’ho riportato in tanti miei testi.

Per diversi anni poi, abbiamo trattato le emozioni, quindi ora nei miei testi cerco di far rivivere le emozioni del protagonista o degli altri personaggi.

Questi testi li so scrivere solo per un motivo… perché la mia maestra mi ha insegnato bene come si fa un testo.

Ed è proprio insieme a lei che abbiamo pensato di iscrivermi a questo concorso, perché vorrei dire ai miei compagni che la scrittura e la lettura servono per la vita, per esprimersi meglio, per vivere emozioni che non avresti mai provato, perché quando si scrive si leggono le emozioni. LEGGETE, SCRIVETE È QUESTO IL MESSAGGIO DEI MIEI PENSIERI”.

Anita ha scritto questo come introduzione ai suoi tre testi inviati ad un concorso letterario. Sono stati letti e giudicati da una commissione. Anita ha vinto il premio letterario internazionale sezione giovani PEGASUS.

I suoi testi, oltre al pathos dell’argomento del momento in cui scrive, sono costruiti con effetti di grande livello! L’amore per la lettura e la sua capacità critica hanno fatto di Anita un concentrato di cultura e spontaneità che definirei incredibili per una creatura così giovane.

Giuliana Catanzaro