Il Dantedì è stato celebrato il 25 marzo, la giornata nazionale di Dante Alighieri, il sommo poeta famoso per aver scritto una delle opere con un valore inestimabile in tutta Italia, la “Divina Commedia“, un poema composto in esilio da Firenze.

Nel mezzo del cammin di nostra vita…” è il famosissimo verso iniziale della grande opera allegorica dantesca, dove l’autore ha voluto rappresentare il reale attravero l’immaginario.

Perché il Dantedì cade proprio il 25 marzo? Secondo gli studiosi è il giorno in cui, nel 1300, Dante comincia il suo viaggio allegorico attraverso l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso.

In questa data si sono organizzati eventi per celebrare il poeta e le sue opere.

Per tutto il giorno emittenti televisive, case editrici, università hanno organizzato incontri, conferenze e approfondimenti sulla vita e le opere di Dante. Anche il MIUR ha organizzato una diretta streaming alla quale hanno partecipato tutte le scuole d’Italia per condividere le attività sul poeta realizzate dagli alunni.

Anche noi abbiamo celebrato l’opera dantesca con percorso disciplinare.

Maria Maggio